Associazione Imprenditori: «L’Amministrazione tuteli il marchio Taormina»

associazione-imprenditori-corso-umberto-franco-parisiTaormina – L’ Associazione Imprenditori per Taormina prende posizione sull’irrisolta problematica dell’utilizzo indiscriminato del nome di Taormina, da parecchi anni utilizzato in lungo e largo un pò ovunque mentre non è mai arrivato a compimento il relativo iter comunale per l’istituzione del marchio col nome della città.

Tutela del marchio. «Invitiamo l’Amministrazione comunale ad adottare i provvedimenti amministrativi ritenuti idonei per la tutela del nome della nostra Città – scrive in una nota inviata al sindaco ed al Consiglio comunale il direttivo dell’Aipt, presieduto da Franco Parisi -. Si osserva, infatti, che un noto Tg satirico (Striscia la Notizia) di un’emittente nazionale, nella puntata del 31 ottobre scorso, ha trasmesso un servizio relativo ad una vicenda di inadempimento contrattuale, in cui la società protagonista, con sede in Roma, utilizza nella sua denominazione composta anche il nome proprio di Taormina. Appare superfluo sottolineare il grave danno di immagine subito dalla Città in casi come quello sopra descritto. A ciò si aggiunga che, a parere di chi scrive, appare intollerabile che ogni manifestazione che si svolga in Città debba fregiarsi del nome a semplice richiesta e che ciò avvenga senza un rigoroso ed “oggettivo” regolamento in materia». «Riteniamo, infatti – continua l’Associazione Imprenditori -, che avendo la nostra Città una notorietà internazionale (se non addirittura mondiale), l’utilizzo del nome debba essere tutelato come un bene prezioso e, soprattutto, debba essere salvaguardato da usi ed abusi che ne sviliscano la fama e l’autorevolezza».

Provvedimenti amministrativi. «Per queste ragioni, si richiede che tra le priorità dell’agenda di governo della Città si inserisca la tutela del nome di Taormina come punto prioritario, ove si consideri, peraltro, che l’adozione di provvedimenti amministrativi in materia non solo non comporta la necessità di impegni di spesa ma nel tutelare ed accrescere il nostro prestigio, può rappresentare una grande fonte di guadagno e ricchezza sotto diversi profili. Analogamente, siamo convinti che l’istituzione di premi che utilizzino la dizione “Città di Taormina”, debbano costituire eventi eccezionali, se non addirittura unici, per conferire all’evento la corretta dimensione di grande rilievo, anche internazionale, che l’utilizzo del nome Taormina merita ed anzi esige». «In conclusione – aggiunge Aipt -, si chiede che gli argomenti sopra indicati possano essere discussi ed approfonditi in un incontro tra l’Amministrazione comunale e i rappresentati della scrivente associazione nella data che dovrebbe essere indicata già nella comunicazione di riscontro alla presente nota in modo da garantire la più ampia partecipazione del nostro consiglio direttivo».

FONTE: blogtaormina.it